martedì 17 gennaio 2012

lettera del 16 gen 2012

Da: Antonio Aldo Trento
Oggetto: Cari amici
Data: 16 gennaio 2012 20:42:00 GMT+01:00

Cari amici,
Sabato sera le nostre bambine mamme hanno festeggiato il compleanno di Irma, la suora che mi accompagna in quest’avventura di paternità e anche il mio (65 anni) in Pizzeria. È stato commovente vedere la tenerezza di cui siamo stati oggetto sia da parte delle giovanissime mamme come dei loro bebè.
Anche Luciana, la bambina di 12 anni già preparata per il parto che sarà la prossima settimana è felice. Marianna la piccola figlia di Bélem vuole mangiare le mele verdi. Mele che mangio io, diabetico, perché agre, amare. È proprio vero anche il gusto uno lo apprende solo dentro un’appartenenza. Non è una questione di “mi piace o non mi piace” ma di chi appartieni e per questo i miei bambini mangiano di tutto.
Un´altra cosa bella è vedere come P. Paolino le sta insegnando a cucinare, a pulire la cucina, usando la paglietta e la polvere speciale perché possa brillare. Come vedete la verginità è la sola e unica possibilità per essere padri, madre, educatori.
E la verginità è la vita totalmente consegnata a Cristo, dove ciò che ci definisce è solo lo sguardo a Lui. Senza questa posizione saremo come o peggio degli animali, come chi ha abbandonato o violentato queste piccole mamme.
La verginità, comunque riscatta tutto educando, cioè vivendo con loro intensamente tutto e mostrando come la vita vissuta con Cristo, per Cristo e in Cristo è pienamente umana.
                       
                                                                                                          P. Aldo

Nessun commento:

Posta un commento