domenica 30 maggio 2010

una bellissima lode alla Madonna di S.Bernardo

O quisquis te intelligis in huius saeculi profluvio
magis inter procellas et tempestates fluctuare,
quam per terram ambulare
ne avertas oculos a fulgore huius sideris,
si non vis obrui procellis

Tu che capisci come in questo scorrere del tempo
siamo come naufraghi sbattuti tra tempeste e marosi piuttosto che gente che cammina sulla terra solida
Non distogliere lo sguardo da questa stella, se non vuoi essere travolto dalle tempeste
Si insurgant venti tentationum,
si incurras scopulos tribulationum,
respice stellam, voca Mariam

Se insorgeranno i venti delle tentazioni
se incorrerai negli scogli delle tribulazioni
Guarda la stella invoca Maria
Si iactaris superbiae undis
si ambitionis, si detractionis, si aemulationis
respice stellam, voca Mariam

Se sarai sbattuto dalle onde della superbia,
E dell'ambizione, della detrazione, della rivalità aspra
Guarda la stella, invoca Maria
Si iracundia, aut avaritia
aut carnis illecebra naviculam concusserint mentis,
respice stellam, voca Mariam

Se l'iracondia, o l'avarizia,
o il desiderio disordinato avranno sconquassato la navicella della tua mente,
Guarda la stella, invoca Maria
Si criminum immanitate turbatus,
conscientiae foeditate confusus,
iudicii horrore perterritus,
barathro incipias absorberi tristitiae
desperationis abysso
cogita Mariam

Se turbato dalla grandezza dei tuoi peccati
confuso dalla coscienza del tuo grande errore
atterrito dal terrore del giudizio divino
Incomincerai ad essere inghiottito nel baratro della tristezza
E nell'abisso della disperazione
Pensa a Maria.
In periculis, in angustiis, in rebus dubiis
Mariam cogita, Mariam invoca.

Nei pericoli, nelle angustie, nelle cose dubbie
Pensa a Maria, invoca Maria.
Ipsam sequens non devias,
Seguendo Lei, non sbagli strada
Ipsam rogans non desperas,
Pregando Lei, non sarai disperato
Ipsam cogitans, non erras
Pensando Lei, non cadi in errore
Ipsa tenente, non corruis,
Se Lei ti tiene, non cadrai
Ipsa protegente, non metuis,
Se Lei ti protegge, non avrai paura
Ipsa duce, non fatigaris,
Se Lei ti guida, non ti stancherai
Ipsa propitia, pervenis.
Se Lei ti è propizia, giungerai alla meta
S.Bernardo di Chiaravalle

mercoledì 26 maggio 2010

messaggio del 25 maggio

Cari figli, Dio vi ha dato la grazia di vivere e proteggere tutto il bene che è in voi ed attorno a voi e di esortare gli altri ad essere migliori e piu santi, ma satana non dorme e attraverso il modernismo vi devia e vi guida sulla sua via. Percio figlioli, nell’amore verso il mio cuore Immacolato amate Dio sopra ogni cosa e vivete i suoi comandamenti. Cosi la vostra vita avra senso e la pace regnera sulla terra. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

domenica 9 maggio 2010

il Papa, per noi

Qual è il vincolo che ci introduce al reale? «Una Presenza storica, guidata dal successore di Pietro. Vogliamo affermare che cosa ci impedisce di soccombere alla confusione e a tutte le interpretazioni possibili e immaginabili cui inevitabilmente noi cadremmo, se non ci fosse un punto storico di riferimento che ci dice la verità su Cristo. Senza Pietro noi saremmo nella confusione più totale! »

martedì 4 maggio 2010

cattolicesimo di sinistra

Avevo sempre pensato che il cattolicesimo di sinistra si differenziasse dal resto del cattolicesimo essenzialmente per delle scelte politiche, discutibili magari, ma relative a un piano intrinsecamente opinabile e di diritto pluralistico, come è appunto quello delle opzioni politiche.
Mi rendo invece conto che alla radice se non di tutto, almeno di una parte consistente del cattolicesimo di sinistra stanno delle opzioni ben più radicali di quelle politiche, opzioni metafisiche e teologiche, che arrivano a intaccare il dogma nel suo nucleo essenziale. In particolare è inquietante l'idea che Dio non sia Onnipotente e che la realtà perciò non sia Suo segno (vedi Vito Mancuso). In un certo senso si tratta di una eresia ben peggiore di quella di Ario, o di Nestorio, che per lo meno non dubitavano della onnipotenza di Dio.
Mi chiedo come faccia a pregare uno che non creda nella Presenza e nella Onnipotenza di Dio. Non è forse la sua "fede" una proiezione posticcia di un io presunt(uos)amente eroico, una stampella residuale di una volontà di ferro (moralisticamente intesa: prima le Legge, poi il Bene)?
Un vero tarlo, destinato a rodere dall'interno ciò che resta di una fede che non c'è più.

domenica 2 maggio 2010

Messaggio del 2 Maggio 2010 trasmesso da Mirjana

"Cari figli, oggi il vostro Padre buono attraverso di me vi invita affinché con l’anima colma d’amore vi incamminiate nel cammino spirituale. Cari figli, riempitevi di grazia, pentitevi sinceramente per i peccati e bramate il bene. Bramate anche a nome di coloro che non hanno conosciuto la perfezione del bene. Sarete più cari a Dio. Vi ringrazio."